News » Gruppo Habilita

News

Dall'1 marzo il Dr. Guido Molinero a Bergamo

25/02/2021
Info per il pubblico

A partire da lunedì 1 marzo in Habilita Poliambulatorio San Marco di Bergamo in piazza della Repubblica 10 sarà attivato un nuovo ambulatorio di Medicina Fisica e Riabilitativa che vedrà la presenza del Dr. Guido Molinero. Il Dr. Molinero, specializzato in Medicina Fisica e Riabilitativa è stato per 14 anni il direttore dell’Unità di riabilitazione specialistica dell’ASST Papa Giovanni XXIII con sede a Mozzo (ex Casa degli Angeli). Abbiamo chiesto al Dr. Molinero come si avvicina a questo nuovo capitolo della sua vita professionale.

«Quelli appena trascorsi sono stati giorni molto emozionanti, molto coinvolgenti: lasciare la famiglia dell’ospedale dopo 35 anni non è stato facile, però è già ora di ricominciare con un ritmo che spero possa essere un po’ diverso, ma con la voglia di essere ancora utile alle persone con disabilità».

Il nuovo ambulatorio di Bergamo a chi sarà rivolto?

«L’ambulatorio è rivolto a tutte quelle persone che hanno necessità di tipo riabilitativo, valutazioni riabilitative da patologie neurologiche o ortopediche. Solitamente – spiega il Dr. Molinero – i pazienti che necessitano una valutazione riabilitativa sono affetti da patologie neurologiche, oppure cronico degenerative di tipo ortopedico. Ci sono poi persone che hanno necessità di valutazioni riabilitative per certificazioni di invalidità».

Conosceva già il gruppo Habilita?

«Certamente. Già quando ero all’ASST Papa Giovanni XXIII collaboravo costantemente con Habilita soprattutto per la gestione della robotica per i pazienti neurologici dopo il ricovero in acuto. Per me non si tratta di un mondo sconosciuto, tutt’altro. Si tratta di un gruppo sanitario con cui c’è stata in passato e prosegue anche ora una collaborazione stretta».

Qual è il suo obiettivo professionale per questa nuova esperienza con Habilita?

«Il mio obiettivo professionale – conclude il Dr. Molinero – è quello di dare un aiuto alle persone in disabilità in modo da non interrompere i rapporti con tutto il mondo della riabilitazione: poter mettere la mia esperienza a disposizione del mondo Habilita è una sfida che trovo decisamente stimolante».